Blog

attivare utenze dopo trasloco in casa nuova

Attivare le utenze dopo il trasloco in casa nuova

  |   Blog   |   No comment

Per attivare le utenze domestiche dopo il trasloco in casa nuova, assicuratevi di conoscere tutte le disposizioni.

Dopo aver disdetto i contratti di gas e acqua riferiti al vecchio domicilio, dopo il trasloco in casa nuova, potrete procedere con l’attivazione delle utenze domestiche per la nuova casa.

 

Nel caso siate voi i proprietari dell’immobile, vi basterà contattare il fornitore telefonicamente o presentarvi presso uno degli sportelli richiedendo l’allaccio delle utenze con un nuovo contratto. Non dovrete preoccuparvi di avvisare il distributore locale perché questo è uno dei compiti del fornitore. I tempi della procedura variano dalle due settimane a un massimo di due mesi. Quando vi installeranno il contatore assicuratevi che sia facilmente accessibile così che il distributore possa leggerlo anche in vostra assenza!

 

I documenti necessari per la richiesta di attivazione sono:

  • codice POD della luce e codice PDR del gas;
  • carta d’identità;
  • bolletta recente e potenza del contatore desiderata;
  • tipologia di utilizzo del gas (cucina, riscaldamento ecc.);
  • autocertificazione sulla conformità urbanistica dell’immobile (con dati catastali);
  • dichiarazione di conformità dell’impianto di riscaldamento.

 

Invece, se andrete ad abitare in affitto, la soluzione più semplice è quella della voltura. In questo modo avverrà il cambio di intestazione delle bollette, modificando il nominativo con il vostro nome. Dopodiché dovrete fare la richiesta al fornitore che già prestava servizio prima del vostro arrivo e l’attivazione avverrà quasi tempestivamente.

 

In ogni caso, è buona norma controllare le varie disposizioni dei contratti poiché potrebbero variare di regione in regione.

No Comments

Post A Comment

CHIUDI
CLOSE